Pubblicità gioco d’azzardo, Stop alle restrizioni in Spagna

La Corte Suprema spagnola annulla le restrizioni in merito al tema della pubblicità gioco d’azzardo.

Home » Pubblicità gioco d’azzardo, Stop alle restrizioni in Spagna

Dopo il ricorso della Spanish Digital Gaming Association (Jdigital) contro il regio decreto 958/2020, la Corte Suprema spagnola ha deciso di annullare le restrizioni sul divieto per la pubblicità gioco d’azzardo. Anche se per ora è una mossa parziale!

Le norme, entrate in vigore nel 2020, volevano ridurre l’esposizione dei minori e preservarli dal rischio legato alle scommesse e al mondo del gambling. Limitando la pubblicità gioco d’azzardo si prevedeva, esattamente come avviene in Italia con il Decreto dignità, di bloccare gli accordi di sponsorizzazione con gli operatori.

Fin dalla sua approvazione, la normativa pubblicità gioco d’azzardo è stata accolta in modo molto negativo, portando la Jdigital a fare ricorso contro il regio decreto. In un primo momento il ricorso venne respinto, più precisamente nel novembre 2023.

Indice

Le restrizioni rimosse in merito al tema della pubblicità gioco d’azzardo

Dopo aver però rivisto la legge, la Corte Suprema ha deciso di cancellare diverse misure previste andando, inevitabilmente, ad accogliere parte del ricorso stesso. 

Pensiamo per esempio al tema dell’orientamento della pubblicità verso nuovi clienti (art. 13). 

In questo modo gli operatori spagnoli potranno commercializzare i giocatori che hanno aperto un conto di gioco da meno di 30 giorni. Inoltre sarà possibile fare pubblicità anche negli esercizi destinati alla vendita dei giochi per la lotteria.

Divieto di scegliere personaggi famosi per fare pubblicità (art 15).

Il concetto di “rilevanza e notorietà” viene meno e permette quindi ai personaggi famosi di poter tornare a pubblicizzare eventi e operatori dei casinò.

Via libera alle piattaforme 

Cadono anche le restrizioni legate al divieto di pubblicità giochi d’azzardo sulle piattaforme di condivisione video, come per esempio YouTube. E in particolare sui social, dove gli operatori potranno tornare a promuovere i propri servizi a  tutti gli utenti maggiorenni.

Cosa è ancora vietato per la normativa pubblicità gioco d’azzardo?

  • Gli operatori non possono pubblicizzare o utilizzare branding per eventi, beni e servizi che possono essere visualizzati da minori;
  • Sono vietate le attività di sponsorizzazione che riguardano un impianto sportivo.

La motivazione della Corte Suprema

Nell’annunciare la decisione di annullare alcune delle misure del Regio Decreto, la Corte Suprema ha ampiamente motivato la sua decisione:

“La pubblicità fa parte della libertà d’impresa ed è soggetta a limiti. Tuttavia, tali limiti e divieti, nella misura in cui incidono anche sull’esercizio di una lecita attività d’impresa, devono avere sufficiente copertura giuridica, senza poter essere disciplinati da norme regolamentari autonome ed estranee ai criteri e ai limiti fissati dal legislatore”.

Secondo gli esperti, le misure annullate dalla Corte Suprema potrebbero non essere le uniche. In futuro infatti potrebbero arrivare ulteriori tentativi e annullamenti per permettere al mondo del gambling di riconquistare terreno rispetto al tema della pubblicità gioco d’azzardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I migliori casinò online:
Lottomatica

Bonus Benvenuto fino a 2000€ in Play Bonus Slot +
500€ di Bonus Registrazione con SPID

GoldBet Casino

100% fino a 1.000€
sul primo deposito + Bonus Registrazione SPID da 500€

NetBet

10€ gratis per i nostri utenti +
Fino a 600€
su 3 depositi +
200 giri gratis