Chiusura casinò fino al 5 Marzo. Il casinò di Sanremo non ci sta.

Home » Chiusura casinò fino al 5 Marzo. Il casinò di Sanremo non ci sta.

Continuano purtroppo ad arrivare brutte notizie peri casinò tradizionali italiani, che dovranno restare chiusi almeno fino al prossimo 5 Marzo, così come previsto dall’ultimo DPCM del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Una decisione che seppur erano nell’aria i vari casinò italiani speravano di poter scongiurare con una serie di misure introdotte per evitare il sovra affollamento all’interno della struttura e il distanziamento dei giocatori ai tavoli verdi. Nell’ultimo Decreto varato dal premier Giuseppe Conte, infatti, si legge: “sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente”. Questa è una situazione che prosegue da diversi mesi, tranne che nel periodo estivo durante il quale virus e timori sembravano essere spariti o quasi.

Ovviamente anche il casinò di San Remo dovrà restare chiuso, nonostante i vari tentativi messi in campo negli ultimi tempi da parte di alcune forze politiche. Alla Camera sia la Lega che Forza Italia hanno chiesto che il Casinò di Sanremo potesse riaprire in tempi rapidi. Nonostante, questo ordine del giorno sia stato accettato, non ci sono alcune garanzie che nelle prossime settimane possa però riaprire. E non comunque prima del prossimo 5 Marzo. Tra l’altro tra il 2 e il 6 Marzo si dovrebbe svolgere il famoso Festival di Sanremo che porta, solitamente, tantissimi frequentatori. E anche in virtù di questo grande evento si sperava che il Governo potesse riaprire il casino di Sanremo. Tra l’altro, proprio in merito a questo grande evento, si era pensato di poterlo rinviare, almeno fino a quando la situazione non fosse tornata ad avere una parvenza di normalità. Questa idea non è però piaciuta ad organizzatori e presentatori, che hanno fortemente voluto farlo durante il solito periodo. 

La struttura al momento sta cercando di far quadrare i conti grazie al casinò online di cui si è dotata negli ultimi anni, anche se in questo ambito la concorrenza è davvero alta e raggiungere determinati livelli, è davvero difficile.   

Le critiche del sindaco

Questa decisone non è stata accetta di buon grado neanche dal sindaco di Sanremo, Alberto Biancheri, che ha definito la chiusura fino al 5 Marzo una prospettiva profondamente deleteria. C’è da considerare che il Casino di Saremo è gestito totalmente dal Comune e che rappresenta praticamente uno delle maggiori aziende della città e quella porta più lavoro. Ecco perché il sindaco è abbastanza preoccupato: “Con grandi difficoltà siamo riusciti a contenere i danni delle reiterate chiusure nel corso del 2020, pur chiudendo i bilanci con gravi perdite d’incasso. Ma siamo davvero al limite”.

Il sindaco Biancheri già nelle scorse settimane aveva avanzato un’istanza di riapertura alla regione e al Governo, salvo poi dover fare i conti con la decisione dello Stato di rigettarla.

SAPAR contro Biancheri

Le parole del sindaco di Sanremo non sono andate giù a Domenico Distante, Presidente del SAPAR, l’associazione nazionale dei “Servizi Apparecchi per Pubbliche Attrazioni Ricreative”, di cui fanno parte anche i casinò. Ecco la dura risposta di Distante: “La dichiarazione del Sindaco di Sanremo evidenzia semplicemente un conflitto di interessi, i suoi e del suo Comune proprietario del casinò. Ci fa piacere che siano riusciti a contenere i danni. Le piccole e medie imprese di Sanremo e i lavoratori che invece non hanno la fortuna di essere suoi dipendenti comunali possono tranquillamente continuare a disperarsi? Questa indifferenza è semplicemente vergognosa”.

Perché i casinò sono ritenuti dei luoghi sicuri?

Ovviamente le parti in campo stanno facendo di tutto per convincere Governo e Autorità a permettere il gioco nei casinò tradizionale, ritenendo che sia dei luoghi sicuri. Ma perché? I casinò tradizionali, tra cui Sanremo, Campione d’Italia e i le strutture di Venezia hanno adeguato le loro sale già da diversi mesi per permettere ai giocatori di poter passare del tempo ai tavoli in tutta tranquillità. Oltre ai termo scanner all’entrata, capaci di controllare diverse persone nello stesso momento, si sono sistemati dei pannelli in plexigas tra le varie persone sedute al tavolo o tra quelle che stanno giocando alle slot machine. Tutte le persone devono poi indossare la mascherina obbligatoriamente e in giro per le sale ci sono vari distributori di gel disinfettante per le mani. Insomma, un’ottima organizzazione che comunque ha subito la chiusura obbligatoria nonostante i vari sforzi messi in campo.

Conclusione

Se vuoi continuare a saperne di più sulla chiusura dei casinò in Italia e su quando potrebbero riaprire, continua a seguire il nostro blog. Nella sezione news troverai notizie aggiornate su tutto ciò che concerne il mondo del gioco in Italia e nel Mondo. Nel sito, troverai anche guide, curiosità e recensioni dei vari dispositivi presenti sul mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Casino consigliati dai Pro
William Hill
William Hill

200 spin gratis senza deposito + 100% fino a €1.000

Gioco Digitale
Gioco Digitale

150 free spin e 100% fino a 500€ sul primo deposito

StarCasinò
StarCasinò

20€ gratis + 200% fino a 100€ + 100 giri gratis